Eventi e News

Il ruolo dell'Helpline

 

L'Helpline – Tel: 06 33777740 - attiva dalle ore 9:30 alle 16:30 dal lunedì al venerdì, non costituisce un numero di emergenza o una sala operativa per la gestione della crisi suicidaria.

 

Se pensi di essere in crisi o a rischio di suicidio o se un tuo familiare o un tuo amico dichiara di voler tentare il suicidio, puoi contattare i servizi di emergenza (ad es. 118). 


Il ruolo dell'Helpline SPS

L'helpline (o linea diretta 06 3377 7740), attiva nei giorni di ufficio dei giorni feriali (9,30-16,30) non costituisce un numero di emergenza nè fornisce assistenza diretta sulla crisi suicidaria. 

Se pensi di essere in crisi o a rischio di suicidio oppure una persona che conosci lo possa essere contatta i servizi di emergenza (ad es. il 118).

 

Buone Feste dal Servizio per la Prevenzione del Suicidio

L'helpline (o linea diretta 06 3377 7740), attiva nei giorni di ufficio dei giorni feriali (9,30-16,30) non costituisce un numero di emergenza nè fornisce assistenza diretta sulla crisi suicidaria. 

Se pensi di essere in crisi o a rischio di suicidio oppure una persona che conosci lo possa essere contatta i servizi di emergenza (ad es. il 118).

Durante le festività natalizie il servizio sarà sospeso nei giorni: 24 dicembre, 2 e 5 gennaio. 

Giornata Mondiale dedicata ai Survivors 2014

 

 

 

Salute mentale e aree metropolitane: verso una nuova prospettiva

Il Vicariato di Roma
CENTRO PER LA PASTORALE DELLA SALUTE
Tavolo per la promozione e la tutela della salute mentale

ha organizzato la

XXIII Giornata mondiale
per la salute mentale

presso la Basilica di San Giovanni in Laterano

(ingresso e parcheggio Piazzale antistante Vicariato)

Roma, 9 e 10 ottobre 2014

 

 

Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio 2014: La prevenzione del suicidio un mondo unito

 

La Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio 2014 si è conclusa con un record di presenze nella due giornata congressuali. Roma grazie all’evento tenutosi presso l’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea, Sapienza Università di Roma ha beneficiato di poter lanciare ufficialmente per l’Europa la 12a Ed. dell’iniziativa.

Oltre 30 tra relatori e moderatori si sono susseguiti nella trattazione della prevenzione del suicidio. La platea ha toccato punte di oltre 300 partecipanti con almeno 600 richieste di accreditamento all’evento gratuito e con 9 crediti ECM.

L’evento ha ricevuto l’ADESIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Il Segretariato Sociale RAI ha sostenuto la Giornata dedicando una settimana di sensibilizzazione alla prevenzione del suicidio.

I mass media hanno espresso il loro sostegno con numerosi lanci di agenzie tra cui Ansa, ADN Kronos, Redattore Sociale. Decine di testate giornalistiche hanno trattato il tema dell'evento, tra le quali GR1 Rai, Rai Radio3, Telepace, Televideo RAI, e molte altre.

Tra i partecipanti che componevano l'uditorio: psichiatri, psicologi, psicoterapeuti, sociologi, specializzandi, studenti, infermieri, farmacisti, figure professionali delle più varie oltre a gente comune, associazioni e familiari che hanno perso un caro per suicidio.

Toccante la parentesi teatrale proposta da Evelina Nazzari e Maddalena Recino nella quale hanno trattato il dramma di perdere un caro per suicidio, anche a causa dell’esperienza personale in tal senso di una delle delle artiste.

Significativo è stato il banner di 6 metri all'entrata della Sapienza a Piazzale A. Moro che segnalava l'evento e il nostro impegno nella prevenzione.

Il tema di quest’anno, ossia: “La prevenzione del suicidio un mondo unito” ha rappresentato un momento importante di confronto e discussione tra i partecipanti che numerosi hanno inviato messaggi di apprezzamento e gratitudine per l’evento.

 

Sospensione della linea di ascolto Parla con noi

Si avvisa l'utenza che in occasione della pausa estiva la linea di ascolto "Parla con noi" non sarà attiva dall'11 al 15 agosto. Il servizio riprenderà regolarmente il 18 agosto, con i seguenti orari, dal lunedì al venerdì dalle ore 9:30 alle 16:30. 

 

Programma Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio 2014

Verso Europa 2020. Firenze 2014

 Il Prof. Maurizio Pompili è stato chiamato ad intervenrie al convegno internazionale sul "Counseling e Telepsicologia per la Salute" per discutere sulle nuove strategie di prevenzione del suicidio in Italia. In tale occasione verranno presentati i dati inerenti la linea di ascolto "Parla con noi" attiva presso il Servizio per la Prevenzione del Suicidio dell'Azienda Ospedaliera Sant'Andrea di Roma e sostenuta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimetno della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale.

PREMIO “BUON SAMARITANO” CONFERITO AL SERVIZIO PREVENZIONE DEL SUICIDIO AZIENDA OSPEDALIERA SANT’ANDREA DI ROMA

 

 

Sabato 21 giugno, serata d’onore  al teatro Argentina di Roma dove il professore Maurizio Pompili , Responsabile del Servizio per la Prevenzione del Suicidio del Policlinico Sant’Andrea di Roma, è stato insignito del premio «Buon Samaritano», giunto quest’anno alla XVII^ edizione.

In presenza del Prof. Paolo Girardi,  Resonsabile dell’U.O.C. di Psichiatria dell’ Azienda Ospedaliera Sant’Andrea, del Mons. Andrea Manto, direttore del Centro Diocesano per la Pastorale della Salute e dalle mani di Sua Eccellenza Vescovo Leuzzi, il Prof. Maurizio Pompili ha ottenuto il  meritato riconoscimento per aver istituito un Servizio d’ eccellenza quale quello che dirige.

 Visibilmente emozionato, ha tenuto a ringraziare quanti condividono con lui il duro lavoro del Servizio (www.prevenireilsuicidio.it).

 

L’obiettivo dell’iniziativa è porre l’attenzione sulle  eccellenze del mondo sanitario e del volontaritato della Capitale, indicando come esempio l’ideale evangelico del Samaritano. Nelle parole di ringraziamento rivolte al Prof. Pompili si è  sottolineata l'importanza della parola "compassione" che deve guidarci come emerge anche nel passo del Vangelo sul "buon Samaritano":

«Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e incappò nei briganti che lo spogliarono, lo percossero e poi se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e quando lo vide passò oltre dall'altra parte. Anche un levita, giunto in quel luogo, lo vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n'ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi,caricatolo sopra il suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui. Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all'albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più, te lo rifonderò al mio ritorno. Chi di questi tre ti sembra sia stato il prossimo di colui che è incappato nei briganti?». Quegli rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Và e anche tu fà lo stesso».

 

23/06/2014